Leandro Luppi

Ristorante: Vecchia Malcesine
Indirizzo: Via Pisort 6 – 37018 Malcesine, Lago di Garda (VR)
Tel.: +39 045 7400469
Web: vecchiamalcesine.com
E-mail: info@vecchiamalcesine.com

Leandro Luppi, Chef-Patron della Vecchia Malcesine, una stella Michelin: eclettico, vulcanico, istrionico e determinato. Di origine altoatesina, ha saputo da subito interpretare e fare proprie le materie prime del territorio lacustre. Mantenendo fede al suo personale approccio creativo, non gioca con le sfumature dei sapori, ma va deciso per la sua strada, senza mediazioni.

Leandro: trascinatore, innovatore e precursore. Un uomo asciutto, senza clamori e defilato, con uno sguardo acuto ed un sorriso scanzonato. Ermetico, essenziale.
Di sicuro Leandro non è uno chef convenzionale. Non è uomo da sfumature ma da tinte forti, non è da sapori leziosi e ruffiani ma dall’impatto deciso e coerente.

Di lui dice: ”Sono una persona che fa lo chef. Non voglio essere identificato per quello che faccio ma per quello che sono”. E non aggiunge altro. Non ce n’è bisogno. Non ne ha bisogno.
Non lavora con la singola materia, lui lavora con tutto il territorio, nel senso più profondo ed assoluto del termine. Ed è proprio dall’amore per il suo lago che dal 2010, insieme ad Elvira Trimeloni, organizza l’evento Fish&Chef.

Calandosi nell’identità del luogo e del prodotto, lo destruttura; si approccia ad esso con la mente libera ed astraendosi dal consueto utilizzo, si ritrova, con la sua visione, nella tradizione.
Questa direzione permette a Leandro di confrontarsi con il cibo in un passaggio ancora successivo, che va oltre il mestiere del cuoco. Superando la trasformazione della materia si concentra più sui concetti dai quali non prescinde: il processo, la pulizia, l’essenzialità ed il sapere che diventa sapore assoluto.

Nei suoi piatti c’è colore, arte e musica; nella sua vita: Lidia, la moglie, e la figlia Corinne; i suoi animali: Nano il gatto, Arturo il cane e Irma la papera corritrice ed anche: un amico immaginario. L’amico immaginario spesso si confonde con l’amico analogico. Non si percepisce mai il confine tra i due.

Nella loro complicità, l’uno scopre i lati nascosti dell’altro. Uno scambio di ruoli rapido ed improvviso, un’impresa stare al loro passo.
Ironico, tagliente e caustico. Inafferrabile nella sua genialità.
Dello Chef Luppi c’è quello che tutti vedono, degustano, sanno e raccontano.
Ineccepibile. Di Leandro c’è quello che non si vede ma, si percepisce.

Un uomo che ama giocare con sé stesso, che racconta con leggerezza un po’ di sé o lo fa raccontare dall’universo che lo circonda.

La goliardia bilanciata con la sobrietà, l’ironia con la consapevolezza, il sorriso con l’analisi.
Sedersi alla Vecchia Malcesine, assaggiare uno dei suoi piatti, chiacchierare con Leandro è un’esperienza che va oltre i sensi. È decidere di lasciarsi andare, di non pensare più, immergersi in un’atmosfera surreale dove è facile sentirsi a casa.