Milano si trasforma in «Food City» in nome della sostenibilità ambientale e nutrizionale del cibo

Nel solco di Expo 2015 si torna a parlare del futuro dell'alimentazione. In campo anche molti Ambasciatori del Gusto

Tre anni fa a Milano “Expo 2015”, dopo aver inaugurato l’area espositiva di Fiera Rho Pero, muoveva i suoi primi passi nel solco di una visione innovativa del cibo. Il tema della nutrizione del pianeta che ha guidato l’esposizione internazionale, insieme a quelli della sostenibilità ambientale e nutrizionale che ogni Paese, ogni agricoltore, ogni chef ha interpretato a suo modo, non è stato però messo da parte con la chiusura dei cancelli e lo smantellamento dei padiglioni. La consapevolezza dell’importanza degli argomenti dei quali, travalicando la consueta visione edonistica dell’enogastronomia, è stata sottolineata la valenza sociale ed economica continua a mantenere vivo un dibattito vivace che, in questa settimana, si riaccende a Milano in occasione di una serie di appuntamenti legati al cibo di valenza internazionale.

«Al ristorante facciamo cucina, ma anche agricoltura, artigianato e formazione», ha detto, infatti, l’Ambasciatore del Gusto, nonché chef tristellato Massimo Bottura.

Cristina Bowerman sul palco di Seeds&Chips

A raccogliere il testimone di Expo 2015 è, in particolare, Seeds&Chips, summit sull’innovazione in campo alimentare che un anno fa ospitò l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama e che, quest’anno dà spazio all’ex Segretario di Stato della stessa amministrazione Obama, John Kerry. Insieme a Kerry saranno più di 300 i relatori delle oltre 30 sessioni di discussione che si scambieranno idee e proposte per migliorare il sistema alimentare mondiale. Al centro dei dibattiti c’è l’agricoltura del futuro che non può più permettersi di consumare indiscriminatamente le risorse del pianeta a cominciare dall’acqua e c’è l’innovazione dell’industria alimentare che deve far fronte all’incremento della popolazione e alla diminuzione delle risorse che comporta un’importanza strategica nella produzione di cibo sano e sostenibile. Si parlerà anche di economia circolare e lotta allo spreco. Tutti temi fondamentali anche nell’agenda degli Ambasciatori del Gusto la cui presidente Cristina Bowerman è intervenuta in apertura di Seeds&Chips, mentre all’Ambasciatore Enzo Coccia è toccato parlare dell’evoluzione della pizza napoletana.

Milano Food Week

Anche fuori da FieraMilanoCity il cibo sano e sostenibile sarà al centro della vita cittadina con la “Milano Food Week”, inaugurata tra gli altri anche da Lara Gilmore, presidente di “Food for Soul”, associazione fondata con il marito, lo chef dell’Osteria Francescana e Ambasciatore del Gusto Massimo Bottura, e i tanti appuntamenti del Fuori Salone del Gusto. La biodiversità e il multiculturalismo associato al cibo sono i temi scelti per i “_TALK” organizzati alla Fondazione Feltrinelli ai quali parteciperanno Andrea Berton e Pietro Leemann. Berton sarà impegnato anche in uno degli “StoryCooking” in programma nella City Kitchen di piazza Beltrami che vedranno protagonisti anche Enrico Bartolini, Cesare Battisti, Viviana Varese, Franco AlibertiGianluca Fusto.

Davide Oldani, invece, allo Iulm indagherà il rapporto tra food e millenials. In chiusura della settimana, infine, Pietro Leemann sarà il presidente della giuria del concorso di cucina vegetariana e vegana “The Vegetarian Chance” della quale faranno parte anche Cesare Battisti e Aimo Moroni.

 Mariella Caruso